Pagina iniziale > C > Codice Commerciale

Codice commerciale

Nel campo del diritto, un codice è l'insieme di norme giuridiche ordinate e sistematiche che regolano, in modo unitario, una certa materia. Nel caso del codice di commercio, è l'insieme delle regole e dei precetti che regolano le relazioni commerciali tra diversi individui o società nello stesso territorio.

I codici di commercio sono sorti con l'Illuminismo per ordinare l'attività commerciale. Lo sviluppo del commercio ha generato che, attualmente, il diritto commerciale è regolato sia dal codice commerciale che da altre leggi speciali attraverso un processo di decodificazione.

Gli storici considerano che il primo codice commerciale fu sviluppato in Francia nel 1807 e approvato da Napoleone Bonaparte. L'obiettivo delle autorità francesi era quello di regolamentare i titoli negoziabili, la formazione delle società, il mercato azionario, il fallimento, il diritto bancario, le assicurazioni e le procedure fallimentari, tra le altre cose. Anche se in quel primo codice ci sono state manipolazioni da parte dell'attuale governo per approfittare del lavoro del resto dei cittadini, è stato fondamentale per il codice essere analizzato in seguito e offrirne uno in cui l'obiettivo fondamentale è quello di offrire uno spazio libero e giusto per lo scambio commerciale; anche se in pratica non è del tutto così.

Il codice commerciale fa parte del diritto privato, nel suo ramo dedicato alle relazioni commerciali. Le regole sono destinate ad adattarsi alla dinamica delle relazioni economiche.

È importante ricordare che la parola legge, dal latino directum, significa "ciò che è conforme alla regola". Il codice commerciale, come il resto delle norme giuridiche, si ispira a postulati di giustizia e suppone un ordine normativo e istituzionale che regola la condotta umana (in questo caso, la condotta legata al commercio).

Il diritto è imperativo (impone un dovere di condotta), attributivo (ha il potere di esigere il rispetto dell'imperativo) e bilaterale (un soggetto che non è la parte interessata è abilitato a esigere il rispetto della norma).

La Spagna e il Codice Commerciale

In Spagna, il Codice Commerciale fu istituito nel XIX secolo, più precisamente nel 1885, per porre fine al disordine che regnava negli scambi commerciali nel territorio peninsulare e per adattarsi alle nuove tendenze che stavano già prendendo vita e sicurezza in altri paesi come Francia e Inghilterra. In ogni caso, il modo in cui è stato redatto lascia un margine libero per le variazioni che potrebbero avvenire, tenendo conto del flusso delle attività economiche di ogni periodo.

In questo paese il Codice è composto da una serie di regole e precetti che tutti coloro che esercitano nella sfera mercantile devono tenere quando stabiliscono relazioni di questo tipo con il resto dei mercanti o acquirenti.

Nel caso in cui non sia ancora chiaro, lo scopo di creare un codice di questa portata risiede nella necessità di garantire una società giusta e di regolare tutti gli aspetti legati alla condotta umana nell'aspetto commerciale. Le norme che lo compongono sono state rigorosamente analizzate e redatte con particolare cura, al fine di evitare l'esistenza di alcune scappatoie che permettono affari illeciti che non sono stati contemplati dalla legge; va notato che, nonostante questo, ci sono molte possibilità che non sono state contemplate e attraverso le quali gli individui cercano di aggirare le leggi.

Per concludere, gli atti commerciali regolati da questo codice sono l'acquisto di prodotti per la rivendita o il noleggio, le operazioni di scambio o baratto e le transazioni effettuate da imprese che hanno un carattere industriale o commerciale.

Di Caines

Catalisi :: Del confucianesimo :: Astrattismo :: Immolate

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z