Pagina iniziale > M > Micro-Storia

Micro-storia

Un racconto breve è una storia di lunghezza molto breve. Il termine è formattato con il prefisso micro- (riferito a qualcosa di molto piccolo) e il sostantivo storia.

Si chiama racconto breve, quindi a narrazione contenente poche parole. Questo tipo di testo da solo utilizza l'estensione Ellisse per provocare la sorpresa: cioè, elimina alcuni elementi del discorso senza intaccare il senso della narrazione.

Da solo, il lettore deve presumere un ruolo attivo nella microstoria. Questo perché molte volte è necessario ricostruire il finale o la conclusione, o anche immaginare cosa non è esplicito nel file testo.

Mentre i racconti tradizionali sono solitamente strutturati con una introduzione, un nodo, uno sviluppo e risultato, le microstorie fanno appello a uno schema più limitato. Il climax arriva con qualcosa di sorprendente o un colpo di scena inaspettato.

Le origini della microstoria sono nel parabole, favole e altri fabbrica che sono nati molto tempo fa. Come genere moderno, il racconto ha caratteristiche proprie, come la sua estrema brevità, la condensazione del tempo e la semplicità della sua struttura.

Importanti scrittori latinoamericani si sono avventurati nel racconto, tra cui Augusto Monterroso, Julio Cortázar e Juan José Arreola. Monterroso, infatti, è responsabile di una delle microstorie più popolari, che consiste in sole sette parole: "Quando si è svegliato, il dinosauro era ancora lì"

Si noti che i social network hanno contribuito, negli ultimi anni, al boom delle microstorie. Soprattutto Twitter, che impone un limite di 280 caratteri per post. In questo contesto, sono stati creati vari concorsi per premiare i migliori racconti.

Di Lamberto Praska

Astruso :: Tetrade :: Smarrito :: Assorbito

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z