Pagina iniziale > A > Assorbito

Assorbito

La parola latina absorptus è entrata nella nostra lingua come assorbito. Questo aggettivo è usato per descrivere qualcuno che è stupefatto, assorbito o molto concentrato.

Per esempio: "Mio figlio adolescente è così assorbito dal suo telefono che non mi presta attenzione quando gli parlo", "Assorbito dai suoi pensieri, l'uomo non ha nemmeno notato la tragedia che si è svolta accanto a lui", "Se sei assorbito dal tuo lavoro, non sarai in grado di risolvere i tuoi problemi familiari, quindi ti consiglio di trovare un equilibrio".

Supponiamo che un giovane uomo sia seduto a leggere un romanzo giallo in un parco. Assorto nella trama del libro, il ragazzo è ignaro di ciò che accade intorno a lui. Così, non guarda chi cammina nelle vicinanze e non ascolta nessuno.

Una persona assorta, insomma, è meditativa o astratta. Ciò che cattura il suo interesse lo preoccupa, lo soggioga o lo abbaglia, così perde il contatto con l'esterno.

Un bambino assorto in un film di cartoni animati, per esempio, probabilmente non risponderà quando gli si parla. Questo perché tutta la sua attenzione è focalizzata sullo schermo, una peculiarità che lo rende, in un certo senso, disconnesso da tutto il resto.

A volte il concetto di assorbito è usato in riferimento a un gruppo di persone, un'entità o qualcosa di astratto: "Un paese assorbito nel suo passato non è in grado di progredire", "Noto un governo assorbito nell'economia quando ci sono molte altre questioni da affrontare", "Una società assorbita nel virtuale non può generare cambiamenti reali".

Una società assorbita nel virtuale non può generare cambiamenti reali".

Un paese assorbito nel suo passato non è in grado di progredire", "Noto un governo assorbito nell'economia quando ci sono molte altre questioni da affrontare", "Una società assorbita nel virtuale non può generare cambiamenti reali".

Di Pahl

Micro-storia :: Astruso :: Tetrade :: Astrobiologia

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z